FANDOM


Nat Murdo
Nat Murdo

Nome:Nat Murdo
Luogo di nascita:Scozia (presumibilmente a Strathlaven)
Sesso:Maschio
Specie:Umana
Etnia:Scozzese
Occupazione:Soprastante delle proprietà di Lord Fraser (ex)

Bandito

Parenti:Floraidh (nonna)

Genitori (nomi sconosciuti; deceduti)

Emma Fraser (cugina)

John Fraser (cugino acquisito)

Nat Murdo, conosciuto anche col nome di battaglia Capitan Midnight, è un enigmatico personaggio, che è stato sia alleato, sia nemico di Zagor in diverse occasioni.

Aspetto e personalità Modifica

Nat Murdo inizialmente appare come un bell'uomo giovane e alto, con gli occhi marroni e i lunghi capelli scuri che tiene raccolti in un codino. Dopo essere stato intrappolato in una casa in fiamme, il suo volto viene completamente ustionato e perde la maggior parte dei capelli.

Nelle vesti di Capitan Midnight, indossa un cappuccio nero sulla faccia, un tricorno verde scuro, e un mantello verde chiaro.

E' molto difficile tracciare un ritratto della personalità di Nat Murdo: se in genere appare come furbo e spietato, in alcuni casi compie gesti di altruismo e coraggio. In più il suo amore e la sua totale devozione alla cugina Emma sono fuori discussione.

Biografia Modifica

Primi anni di vita Modifica

I genitori di Nat morirono quando lui era piccolissimo e non lì conobbe mai, così venne allevato insieme alla cugina Emma da loro nonna Floraidh. Nat s'innamorò perdutamente della cugina, fin dalla più tenera età ma lei, non lo vide mai come altro che un fratello.

Quando Emma si sposò con lord John Fraser, Nat venne nominato soprastante della tenuta dei Fraser e segretario personale di Emma. Si mostrò molto capace in entrambi gli incarichi, e svolse il suo lavoro con onesta, ma il folle amore che nutriva per la cugina, lo portarono ad odiare ferocemente lord Fraser, colpevole solo di aver fatto innamorare Emma di sè.

Il passaggio a Nord-Ovest Modifica

Quando lord Fraser sparì alla ricerca del passaggio a nord-ovest, Emma decise di mettersi alla sua ricerca e ingaggiò la ciurma del capitano Fishleg. Dato che il cacciatore ingaggiato dalla spedizione era Rochas, Fishleg decise di coinvolgere Zagor, e accompagnati da Ramath Nat ed Emma andarono a Darkwood a cercarlo, anche se Nat non era convinto che fosse necessario. Cambiò idea quando Zagor salvò lui e la cugina da una banda di fuorilegge. Dopo che l'eroe di Darkwood e il suo compagno, accettarono di unirsi alla spedizione i quattro andarono a Port Whale. Lì udito parlare dal capitano Martin (un anziano marinaio andato anche lui alla ricerca del passaggio a nord-ovest) della maledizione della sfinge dei ghiacci, e del tesoro da essa contenuta, rubò le mappe dell'uomo uccidendolo quando questi lo sorprese in casa sua. Una volta arrivati al Polo Nat si unì alla squadra che sarebbe andata alla ricerca di lord Fraser, al solo scopo di ucciderlo. Una volta che lui e Zagor di ritrovarono separati dal resto del gruppo di ricerca, sbagliò strada apposta e spinse il Signore di Darkwood in un burrone, per poi abbandonarlo. Imbattutosi poi in Tyler, il leader dei marinai di lord Fraser che si erano ammutinati, che si era alleato a una tribù inuit, lo convinse a collaborare con lui. Presi prigionieri Zagor, Rochas, Lord Fraser e i marinai rimastigli fedeli svelò il suo piano: avrebbe ucciso Fraser e scoperto il filone d'oro che a dire del capitano Martin si celava in una grotta nel villaggio Inuit, sarebbe tornato da Emma ricco, ed eroe, e l'avrebbe convinta a sposarlo (l'oro non c'era, il capitano Martin aveva preso il riflesso del sole sul ghiaccio per oro che scintillava). Fortunatamente i marinai della Golden Baby alleati a loro volta con una tribù inuit, li raggiunsero giusto in tempo, e la crudeltà di Murdo e Tyler, fece perdere loro l'appoggio dei nativi. Murdo riuscì comunque a impadronirsi di una slitta e fuggire. Successivamente rapì Anya la moglie di Akutan, un eschimese amico di Cico, affichè gli insegnasse a sopravvivere durante l'inverno artico, pertanto il messicano, e lo Spirito con la scure anzichè ritornare a casa sulla Golden Baby si unirono ad Akutan nella caccia a Murdo.

Il tradimento di Nuova Arcangelo Modifica

Murdo e Anya raggiunsero l'Alaska. A questo punto lo scozzese non aveva più bisogno della donna, e quando lei dichiarò di non volerlo più seguire finse di acconsentire, solo per spararle alle spalle. Fortunatamente l'arrivo di alcuni uomini glielò impedi e i due vennero portati alla colonia russa di Nuova Arcangelo. Poco dopo la città venne assalita dagli indiani Tlingit, e Murdo si unì ai soldati nella lotta, battendosi come un leone. Anche il gruppo di Zagor raggiunse la città e vista la grave situazione, si decise di aspettare tempi più tranquilli per regolare i conti. La città non avrebbe potuto resistere a lungo, pertanto il goveranatore decise di mandare un soldato con una barca a chiedere l'aiuto di Honest Joe, il capitano di un mercantile i cui cannoni, si sarebbero dimostrati utilissimi nello scontor con i Tlingit. Saputolo Murdo uccise il militare e fuggì con la barca per salvarsi la pelle disinterassandosi completamente del destino della colonia. Fortunatamente Zagor e Akutan, rubando una canoa Tlingit, riuscirono a portare a termine il piano del Principe Rezanov.

Conquista di Los Angeles Modifica

Raggiunta la California, Murdo prese il comando di una banda di fuorilegge e progettò un piano per saccheggiare Los Angeles.

Innanzitutto irruppe in un convento imprigionandone i frati, dato che il convoglio militare che trasportava valori, si fermava sempre lì per la notte; Murdo li attaccò a tradimento per rubare il carico, in modo da spingere la guarnigione di Los Angeles a dargli la caccia, e cominciare a riempirsi le tasche. Fortunatamente Zagor e Cico si erano uniti al convoglio e il primo riuscì a salvare alcuni militari.

Successivamente Murdo divise la banda in due parti: una avrebbe dovuto attirare in una trappola i militari che avrebbero dovuto dar loro la caccia, e una di loro avrebbe assalito la città indifesa. Sulla strada Murdo ne approfittò anche per saccheggiare un ranch e rapire la figlia del proprietario Don Lope per ottenere un riscatto.

Il piano ebbe successo e anche se Zagor riuscì a catturare la seconda parte della banda, non potè impedire che la maggior parte dei soldari venisse uccisa. Alla fine i cittadini di Los Angeles drogarono i banditi, permettendo a Zagor e ai soldati di affrontare Murdo. Quest'ultimo tentò di imprigionare il re di Darkwood in una casa in fiamme, ma Zagor riuscì a scappare e Murdo cadde da una palizzata di legno che stava bruciando dritto nella casa incendiata, In qualche modo ne uscì, e si buttò in un pozzo, salvandosi la vita, ma rimanendo orribilmente sfigurato. Una vecchia del posto lo trovò, e si prese cura di lui. Una volta guarito dato che aveva abbastanza soldi da pagarsi il viaggio, se ne tornò in patria.

Capitan Midnight Modifica

Tornato in Scozia, vedendo che i potenti maltrattavano i loro contandini, scacciandoli dai loro campi in modo da metterci pascoli, per pecore, Nat assunse l'identità di Capitan Midnight, un bandito che proteggeva i deboli dai torti dei nobili. Tuttavia continuò a macchinare contro lord Fraser per portargli via Emma; alleatosi con il soprastante della marchesa di Sunderlhand Alisdair, organizzò un piano per incastrare lord Fraser: fece rapire Emma dagli scagnozzi del soprastante, che si fece passare per il capo di un gruppo di ribelli e chiese a John come riscatto un carico di fucili. Alla consegna delle armi avrebbe trovato un gruppo di militari, che lo avrebbe arrestato per alto tradimento, raccontando che i ribelli erano fuggiti.

Murdo avrebbe così ottenuto le terre e il titolo dei Fraser e la marchesa si sarebbe liberata dell'unico nobile che difendeva la povera gente; il piano avrebbe anche funzionato ma Zagor, capitato in Scozia mentre era di nuovo in viaggio con Fishleg, aveva stretto amicizia con un vero gruppo di ribelli e scoperto il complotto lo sventò. A quel punto Alisdair decise di eliminare Murdo. Quest'ultimo però sfuggì all'agguato e decise di eliminare gli ex-complici per vendicarsi del tradimento subito. Tuttavia saputo che i ribelli a causa di una spia infiltratasi nei loro ranghi, rischiavano l'annientamento, si lanciò al loro soccorso nelle vesti di Capitan Midnight, aiutato da Zagor. Alla fine i ribelli vennero salvati e Zagor concesse a Murdo di rimanere in libertà nelle vesti di Capitan Midnight, avvertendolo che se avesse ricominciato a fare del male gliel'avrebbe fatta pagare. La cugina e il marito di lei, lo perdonarono e gli offrirono di tornare a casa loro, ma lui rifiutò.