FANDOM


Sam Fletcher
Sam Fletcher

Nome:Sam Fletcher
Data di nascita:Sconosciuta
Luogo di nascita:Galesburg Illinois Stati Uniti (probabilmente)
Prima apparizione:Albo di Zagor n° 15
Autori:Guido Nolitta
Gallieno Ferri
Sesso:Maschio
Specie:Umana
Etnia:Caucasico
Occupazione:Fabbro (ex)
Parenti:Sconosciuti
Interprete cinematografico:Nessuno
Doppiatore italiano:Nessuno

Sam Fletcher, conosciuto anche con il nome di Iron-Man (uomo di ferro, in inglese) è un personaggio del fumetto Zagor. È stato un nemico dello Spirito con la Scure, ed è stato il primo avversario a batterlo in duello, nonostante nello scontro in questione Fletcher utilizzi un trucco.

Biografia Modifica

Iron-Man Modifica

Sam faceva il fabbro e scoprì casualmente una lega di ferro leggerissima e molto resistente.

Tentò di vendere la sua scoperta all'esercito, ma alla fine scelse di usarla per arricchirsi a spese dei pellerossa.

Facendosi credere un inviato di Manito, assunse il comando delle tribù di Darkwood e finse di volerle guidare in una rivolta contro i bianchi (in realtà voleva filarsela con l'oro che gli avrebbero consegnato gli indiani per comprare le armi).

Sfruttando un veleno paralizzante riuscì a sconfiggere Zagor, ma in seguito grazie all'aiuto di Cico e Tonka il re di Darkwood lo sconfisse e lo smascherò.

Evasione Modifica

Anni dopo evase dal carcere e si nascose proprio nella capanna di Zagor (che era stato assente diversi mesi) assieme a un gruppo di complici e consegnò lui e Cico ai Cayuga, per farsi aiutare a rapinare i tesori sacri dei Mohawk.

Morrà ucciso da uno degli altri evasi "Mozart" Kelly uscito di senno, dopo che il loro piano, viene sventato da Zagor.

Capacità e abilità Modifica

Praticare il mestiere di fabbro ha donato a Sam una gran forza fisica e una buona conoscenza della metallurgia, che lo ha portato a creare la sua armatura.

Oltre a ciò Fletcher mostra un'agilità pari a quella di Zagor nel muoversi tra gli alberi, e si rivela un formidabile combattente corpo a corpo.

Curiosità Modifica

  • Il suo nome di battaglia Iron-Man è lo stesso di un supereroe Marvel, tuttavia non si tratta di una citazione dato che quando Nolitta lo creò in Italia nessuno conosceva già il supereroe americano, le cui pubblicazioni erano iniziate da pochi mesi.
  • L'uomo dipinto, villain creato da Pierpaolo Pelò, e Marco Torrincelli è chiaramente ispirato ad Iron-Man: anch'egli si spaccia per un inviato di Manito, sconfigge Zagor in duello dopo averlo drogato, e vuole trascinare una tribù in guerra per ottenere un guadagno.