FANDOM


Blacky Dickart
Yama Tex

Nome:Blacky Dickart
Data di nascita:Sconosciuta
Luogo di nascita:Sconosciuto
Prima apparizione:Albo di Tex n° 125
Autori:Gian Luigi Bonelli
Galep
Sesso:Maschio
Specie:Umana
Etnia:Caucasico
Occupazione:Negromante (ex); Lanciatore di coltelli
Parenti:Mefisto, (padre)
Myriam, (madre)
Lily Dickart, (zia paterna)
Interprete cinematografico:Nessuno
Doppiatore italiano:Nessuno

Blacky Dickart, più conosciuto con lo pseudonimo di Yama, è un personaggio della serie a fumetti Tex. È uno dei più acerrimi antagonisti dei pards, nonché il figlio di quella che viene considerata la nemesi di Tex Willer, Mefisto.

AspettoModifica

Yama ha vari tratti in comune con suo padre Mefisto, caratteristica notata anche dai pards. È mediamente alto e piuttosto esile, ha il pizzetto e i capelli sono neri, abbastanza lunghi e lisci; è però in parte pelato sulla nuca. Come il padre, ha uno sguardo luciferino e un ghigno diabolico.

Alla sua prima apparizione (e poi nel flashback che costituisce la sua ultima comparsa finora) ha un abbigliamento casual e non molto ricco. Dopo essere stato contattato dal padre in fin di vita, però, inizia a vestirsi in modo similare a lui: porta completi lunghi, perlopiù rossi, con l'iniziale del proprio nome (una grossa Y) cucita sulla parte anteriore. A volte indossa anche un copricapo.

PersonalitàModifica

Biografia Modifica

Mefisto, rimasto sepolto sotto le rovine del castello di Baron Samedi ed in balìa di topi affamati, riesce a rintracciare il figlio Blacky, avuto in passato da un rapporto con la cartomante Myriam, e gli dice dove trovare i libri dove sono racchiusi i segreti dei suoi poteri diabolici, in cambio della promessa di vendicarne la morte, uccidendo Tex Willer ed i suoi pards, cause ultime delle sue disavventure e della sua mminente e tragica fine. Nonostante la contrarietà della madre, Blacky accetta assumendo lo pseudonimo di Yama.

Seguendo le ultime indicazioni del padre, si recherà in Florida per liberare la sacerdotessa voodoo Loa per farne una sua assistente.

Yama raggiunge così il sotterraneo dove giace morto il padre, carpendo attraverso lo studio dei testi magici ritrovati i segreti e le abilità necessarie a sfidare Tex, ignaro della sua esistenza.

Col tempo il potere di Yama cresce e come prova generale, il mago si vendica del capo indiano Yampas. Nel frattempo, i quattro ranger arrivano a Tampa, convocati dallo stregone Seminole, Ho-Yan. In aiuto dei pards lo sciamano Navajo Nuvola Rossa forgia degli speciali amuleti protettivi a forma di bracciale. Appena arrivato in Florida, Tex dovrà affrontare e sconfiggere un pericoloso zombie richiamato dal negromante e poi, fra mille insidie, giungono nel campo Seminole, nel cuore delle paludi della Florida.

Yama e Loa si sono procurati un vero e proprio esercito di bellicosi seguaci del voodoo e da un tetro veliero li manovrano, guidati dal loro capo Thomas. Nel villaggio indiano, i ranger vengono informati dell'orribile morte del sakem Yampas e puntano sulle rovine del castello di Baron Samedi, rimanendo sepolti vivi nella cripta del castello, insieme a Thomas (tradito da Yama che l'ha sfruttato come esca per i quattro ranger); riescono, comunque, a trovare una via d'uscita, grazie ad un alito di vento.

Thomas, recatosi sul veliero del mago e della sacerdotessa, anche con l'aiuto di altri adepti vuduisti, impacchetta i due e getta la sfera di Yama in acqua: questo gesto scatenerà una terribile tempesta, che porterà al largo il veliero di Yama permettendogli di sottrarsi alla cattura.